Dieta keto y migraña

La dieta chetogenica è una delle strategie nutrizionali più studiate per combattere gli episodi di emicrania. Ma non è l’unica.

Emicrania o semplice mal di testa? Ecco come distinguerli

L’emicrania è una condizione neurovascolare complessa ed è la causa più comune di cefalea ricorrente di intensità da moderata a grave. Gli episodi di cefalea sono accompagnati, tra l’altro, da nausea, vomito e una grande sensibilità alla luce e/o ai suoni.

L’emicrania differisce da un semplice mal di testa occasionale (mal di testa) in quanto è una condizione neurologica cronica e genetica.

I suoi sintomi di solito durano dalle 4 alle 72 ore e possono essere da moderati a gravi.

Il dolore è spesso forte, unilaterale (su un lato della testa), pulsante, peggiora con l’esercizio, ed è accompagnato da altri sintomi vegetativi come nausea, vomito, sensibilità alla luce (fotofobia) e/o al suono (fonofobia) e/o o odori. Un terzo dei malati di emicrania sperimenta un’aura prima del mal di testa. Un’aura è un fenomeno noto come emicrania oculare, in cui le persone vedono macchie, a volte accompagnate, ad esempio, da lampi di luce, problemi di linguaggio o paralisi. Un’aura di solito dura da 15 minuti a un massimo di 1 ora, dopodiché inizia l’emicrania.

L’esordio dei sintomi si manifesta più frequentemente durante la pubertà o nei giovani adulti, e negli anni successivi si hanno alti e bassi nella sua frequenza e gravità con una diminuzione abituale intorno ai 50 anni.

In base al numero di giorni di emicrania in un mese, il disturbo è classificato in emicrania episodica (<15 giorni/mese di sintomi), o emicrania cronica (≥15 giorni/mese di sintomi). Ció nonostante, un’emicrania episodica spesso diventa cronica.

La diagnosi è clinica e il trattamento comprende farmaci (beta-bloccanti, anticonvulsivanti, antiemetici, analgesici, alcaloidi e anticorpi monoclonali, tra questi) e cambiamenti nella dieta e nello stile di vita.

Cosa scatena l’emicrania?

Gli studi dimostrano che si tratta di una malattia con una componente ereditaria, la cui prevalenza varia in base al sesso. Circa il 10% della popolazione mondiale soffre di emicrania, ma sono più comuni nelle donne rispetto agli uomini.  Secondo studi con gemelli monozigoti, l’emicrania sarebbe causata da fattori genetici nel 30-60% dei casi, mentre nel resto dei casi dovrebbe essere attribuita a fattori ambientali.

I fattori ereditari includono mutazioni genetiche (incluse anomalie nel gene MTHFR) e anomalie nel DNA mitocondriale che causano cambiamenti nel metabolismo mitocondriale.

Tra i fattori ambientali, sono stati identificati molti potenziali fattori scatenanti o emicranie predisponenti, tra cui:

  • Fatica
  • Carenza o privazione del sonno
  • Stimoli afferenti eccessivi (p. es., lampi di luce, odori forti)
  • I cambiamenti climatici
  • Alimentazione: una dieta pro-infiammatoria sembra contribuire anche all’assunzione di cibi specifici (ad esempio il consumo di vino rosso) o a carenze nutrizionali (riboflavina, vitamina D, acido folico, coenzima Q10, magnesio). Tuttavia, gli alimenti scatenanti variano da persona a persona.
  • Cambiamenti ormonali (come durante le mestruazioni, la gravidanza, la menopausa) (vedi sotto)

Perché fa tanto male? 

All’origine dell’emicrania ci sono diversi meccanismi fisiopatologici. Il dolore neurovascolare si manifesta con un disturbo dell’elaborazione neuronale centrale che provoca un’infiammazione neurologica dolorosa.

Un episodio di emicrania può iniziare con l’iperattivazione dei neuroni nella corteccia cerebrale, un fenomeno definito come depressione a diffusione corticale (CSD). Tale stimolazione nervosa eccessiva sembra essere causata da un’eccessiva concentrazione di glutammato extracellulare e la causa principale dell’aura nelle emicranie. Poiché l’aura non precede l’emicrania in tutti, resta da scoprire se la CSD è una causa universale di emicrania o solo una causa scatenante tra le altre.

Oltre all’ipereccitabilità dei neuroni corticali e alla depressione della propagazione corticale, si osservano anche iperattivazione dei nuclei del tronco cerebrale e coinvolgimento del sistema trigeminovascolare, in particolare del nervo trigemino.

Il nervo trigemino, il nervo che fornisce la percezione sensoriale e il controllo del viso, svolge un ruolo importante nello sviluppo dell’emicrania.

L’eccessiva attivazione del sistema trigeminovascolare (in cui la CSD può svolgere un ruolo) porta, tra l’altro, al rilascio di neuropeptidi vasoattivi e alla degranulazione dei mastociti e delle piastrine.

Uno dei neuropeptidi vasoattivi più importanti nella sensazione del dolore è il CGRP (peptide correlato al gene della calcitonina) che stimolerà il recettore e le terminazioni nervose sensibili al dolore (nocicettori).

Le citochine pro-infiammatorie, inclusa l’istamina, che vengono rilasciate durante la degranulazione dei mastociti causano anche infiammazione neurologica e dolore. Il dolore degli attacchi di emicrania deriva dal rilascio massiccio di neuropeptidi vasoattivi e dal rilascio di istamina dalla degranulazione dei mastociti, causando un’infiammazione neurologica dolorosa.

Durante un attacco di emicrania, anche i livelli di serotonina, un neurotrasmettitore che viene rilasciato in modo massiccio dalle piastrine, aumentano drasticamente. Quest’altro evento provoca vasocostrizione delle arterie e delle arteriole e conseguente aumento del dolore.

Le donne sono piú a rischio

I livelli fluttuanti di estrogeni sono un potente fattore scatenante per l’emicrania. In molte donne, infatti, gli episodi di emicrania iniziano con il menarca, gli attacchi più intensi si verificano durante le mestruazioni (emicrania mestruale), e il disturbo peggiora con la perimenopausa.

Per lo stesso motivo, l’intensità degli attacchi varia durante la gravidanza (di solito diminuisce e solo qualche volta peggiora durante i primi due trimestri) e peggiora dopo il parto, quando i livelli di estrogeni scendono rapidamente.

I contraccettivi orali e altri trattamenti ormonali a volte scatenano o peggiorano l’emicrania.

Obesitá e mal di testa

L’obesità addominale è stata definita come un fattore di rischio indipendente per lo sviluppo del mal di testa.

Diversi studi scientifici hanno giá dimostrato che i soggetti obesi sperimenterebbero cefalee più frequenti e gravi rispetto agli individui normopeso (Jarohmi, 2013). L’ipotetica relazione tra obesità e cefalea è stata correlata a un elevato rilascio di marker infiammatori. Tra gli agenti proinfiammatori studiati, è stato riportato un livello elevato di proteina C-reattiva (CRP), noto come marker di infiammazione sistemica, sia negli individui obesi che nei pazienti con emicrania. Inoltre, ci sono molti studi in letteratura che associano l’emicrania ad un aumento dei livelli di insulina.

E non solo. Sembra infatti esistere una relazione tra l’obesità e la presenza di episodi di emicrania ricorrenti.

Soggetti obesi (con un indice di massa corporea (BMI) ≥30) avrebbero un rischio relativo cinque volte maggiore di sviluppare emicranie rispetto agli individui di peso normale (Scher et al., 2003).

Prevenire l’emicrania con l’alimentaizone

Esiste già un numero rilevante di lavori scientifici che valutano l’effetto del digiuno e delle diete a basso contenuto di carboidrati e di grassi contro l’insorgenza di episodi di emicrania e per ridurne l’intensità.

Sia il digiuno che una dieta ipocalorica, la dieta chetogenica e le diete di eliminazione sembrano strumenti preziosi per ridurre l’emicrania.

Alimenti che peggiorano i sintomi dell’emicrania

Prima di soffermarci sulle abitudini che riducono i sintomi, ricordiamo che ci sono alimenti specifici che sono associati a una maggiore frequenza e gravità degli attacchi di emicrania.

Formaggio, cioccolato, agrumi, alcol, caffè, pomodori, tonno, sgombro, prodotti a base di lievito, pesce non fresco, vino e aceto sono noti come i principali fattori scatenanti degli attacchi di emicrania. In generale si consiglia di limitare l’assunzione di cibi ricchi di amine vasoattive.

Tuttavia, non tutti sono sensibili agli stessi alimenti e quindi è bene seguire una dieta di esclusione specifica e trattare ogni individuo in modo assolutamente personalizzato.

CONTATTAMI per avere maggiori informazioni sui processi che accompagno!

info@saratulipani.com / +34 622178379

Quali alimenti contengono istamina? LEGGI L’ARTICOLO

Diete che riducono l’emicrania

1. Dieta chetogenica o Low Carb

In letteratura sono presenti numerosi studi, a partire dai primi anni ’90, che valutano l’impatto di una restrizione di carboidrati, con o senza induzione di chetosi, sia sul numero di attacchi di cefalea che sul potenziamento dell’effetto.

La restrizione dei carboidrati è una strategia antinfiammatoria e neuroprotettiva, migliora le funzioni mitocondriali e la produzione di ATP.

Per quanto riguarda le diete a basso impatto glicemico, sono abbastanza tollerate e hanno pochi effetti collaterali. In questo modello dietetico i carboidrati sono limitati a 20-50 grammi al giorno, ovviamente con un indice glicemico inferiore a 50.

Questa strategia dietetica si traduce in una significativa riduzione dell’infiammazione e quindi degli attacchi di emicrania.

In uno studio specifico (Di Lorenzo nel 2013) è stato analizzato anche l’effetto del digiuno chetogenico rispetto alle classiche diete ipocaloriche nella prevenzione degli attacchi di emicrania cronica. Il lavoro ha confermato la superiorità di questo approccio rispetto a un regime ipocalorico e normoglucidico.

2. Dieta a basso contenuto di grassi

Diversi studi in letteratura hanno confermato l’effetto delle diete a basso contenuto di grassi come mezzo di profilassi dell’emicrania/mal di testa. Gli studi fino ad oggi hanno valutato l’assunzione di grassi da molto bassa (meno di 20 g/die per 12 settimane) a moderata (<20% del consumo energetico totale giornaliero) per mesi.

In ogni caso, è stato osservato che una dieta povera di grassi porterebbe ad una significativa riduzione della frequenza delle cefalee, della gravità/intensità degli attacchi e della necessità di cure farmacologiche.

In generale, la dieta ricca di grassi aumenta il colesterolo LDL plasmatico e di conseguenza aumenta l’aggregazione piastrinica. L’aumento dell’aggregazione piastrinica sarebbe il tratto determinante per l’aumentata predisposizione ad avere mal di testa con una dieta grassa.

3. Gli omega 3 alleviano l’emicrania

Assolutamente sì, infatti numerosi studi già lo confermano. Aumentare l’assunzione di omega 3, sia dietetica che supplementare, può aiutare a bilanciare lo squilibrio infiammatorio in questi pazienti.

Inoltre, uno studio randomizzato ha valutato l’effetto dell’assunzione di omega-3 e omega-6 per verificare la teoria dei possibili effetti dei diversi grassi sulle caratteristiche della cefalea. Cinquantacinque adulti con emicrania cronica hanno ridotto la loro assunzione di grassi omega-6 o hanno ridotto i loro grassi omega-6 insieme a una maggiore assunzione di omega. Dopo ogni settimana, le persone che assumevano alti livelli di omega-3 in combinazione con una dieta a basso contenuto di omega-6 hanno mostrato un miglioramento maggiore del mal di testa rispetto ai pazienti con una dieta a basso contenuto di omega-6.

La quantità e il tipo di grasso influenzano le risposte infiammatorie, in particolare l’equilibrio tra l’assunzione di omega-6 e omega-3.

Sapevi che i semi di chia sono uno degli alimenti vegetali più ricchi di grassi omega-3? LEGGI L’ARTICOLO

4. Dieta a basso contenuto di sale

Secondo i risultati di un ampio studio di coorte del 2015, ci sarebbe una relazione inversa tra la pressione sanguigna e la comparsa dell’emicrania.

Pertanto, può essere logico prevedere che gli interventi dietetici che abbassano la pressione sanguigna possano anche ridurre l’insorgenza di mal di testa.

In questo senso, alcune strategie nutrizionali per controllare la quantità di apporto di sodio e ridurre la pressione sanguigna (tra cui la famosa dieta DASH) potrebbero essere considerate un argomento di interesse negli studi sulla profilassi dell’emicrania.

Il sodio nella dieta ne stimolerebbe la presenza e l’intensità influenzando direttamente l’aumento della pressione sanguigna o favorendo la disfunzione endoteliale.

Le prove disponibili sull’assunzione di sodio in relazione al mal di testa si sono concentrate principalmente sull’assunzione di glutammato monosodico (MSG) all’inizio dell’attacco di emicrania.

Il cibo trasformato può peggiorare seriamente il disturbo a causa del suo alto contenuto di glutammato monosodico

Tuttavia, a causa della mancanza di studi clinici ben progettati e basati sui risultati attuali, non ci sono basi convincenti per i probabili effetti benefici di una dieta a basso contenuto di sodio sull’emicrania. Pertanto, sono necessari studi sugli animali in vivo e in vitro e studi clinici più ben progettati per chiarire gli effetti del sodio nella dieta sulla patogenesi dell’emicrania/mal di testa.

CONTATTAMI per avere maggiori informazioni sui processi che accompagno!

info@saratulipani.com / +34 622178379

Conclusioni

In conclusione si può affermare che:

  • Sulla base degli studi, esistono diversi approcci dietetici che sembrano alleviare l’emicrania.
  • I più promettenti sono quelli che attenuano lo stato infiammatorio, la funzione piastrinica e la regolazione del tono vascolare.
  • Le diete a basso indice glicemico (dieta chetogenica o dieta Low Carb) si distinguono in quanto potrebbero svolgere un ruolo positivo nella neuroprotezione e nella compensazione della disfunzione della serotonina.
  • La dieta keto promette di essere una profilassi efficace per l’emicrania episodica e cronica. Aiuterebbe a ripristinare il metabolismo e l’eccitabilità del cervello e a contrastare la neuroinfiammazione nell’emicrania, sebbene il suo meccanismo preciso non sia ancora chiaro.
  • Una dieta che mantenga un adeguato equilibrio tra grassi omega-6 e omega-3 sarebbe un altro strumento efficace per migliorare l’emicrania.
  • È chiaro che un individuo con emicrania ha bisogno di cure farmacologiche, ma anche un approccio dietetico mirato può essere di valido supporto, che sì attraverso diete di esclusione, che attraverso integrazione e integrazione, in caso di carenze.
  • Naturalmente è molto importante che la persona si rivolga sempre a professionisti competenti (medico, nutrizionista, dietologo) per evitare di eliminare anche cibi realmente indispensabili e non pericolosi per la propria Salute.

Sara Tulipani

Life Coach specializzata in cambi di alimentazione e stile di vita, Dottore di Ricerca in Alimenti e Salute, Master Internazionale in Nutrizione e Dietetica

Riferimenti scientifici:

  • Migraineand Diet. Gazerani P. 2020 Jun 3;12(6):1658. doi: 10.3390/nu12061658.
  • The Role of Dietand Nutrition in Migraine Triggers and Treatment: A Systematic Literature Review. Hindiyeh NA, Zhang N, Farrar M, Banerjee P, Lombard L, Aurora SK. 2020 Jul;60(7):1300-1316. doi: 10.1111/head.13836. Epub 2020 May 25.
  • Association of diet and headache. Razeghi Jahromi S, Ghorbani Z, Martelletti P, Lampl C, Togha M; School of Advanced Studies of the European Headache Federation (EHF-SAS). J Headache Pain. 2019 Nov 14;20(1):106. doi: 10.1186/s10194-019-1057-1. Review
  • Nattagh-Eshtivani E, Sani MA, Dahri M, Ghalichi F, Ghavami A, Arjang P, e.a. The role of nutrients in the pathogenesis and treatment of migraine headaches: Review. Biomed Pharmacother. juni 2018;102:317–25.
  • Ketogenic dietin migraine: rationale, findings and perspectives. Barbanti P, Fofi L, Aurilia C, Egeo G, Caprio M.Neurol Sci. 2017 May;38(Suppl 1):111-115. doi: 10.1007/s10072-017-2889-6.
  • Amer M, Woodward M, Appel LJ (2014) Effects of dietary sodium and the DASH diet on the occurrence of headaches: results from randomised multicentre DASH-sodium clinical trial. BMJ Open 4(12):e00667
  • Bigal ME, Lipton RB, Holland PR, Goadsby PJ (2007) Obesity, migraine, and chronic migraine possible mechanisms of interaction. 68(21): 1851–1861
  • Schnabel TG (1928) An experience with a Ketogenic dietary in migraine. Ann Intern Med 2(4):341–347

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

code