Reflujo gastroesofágico

La malattia da reflusso gastroesofageo è una malattia cronica, ricorrente e progressiva.

I meccanismi coinvolti nel suo sviluppo riguardano principalmente episodi transitori di rilassamento dello sfintere esofageo inferiore (o cardias), una diminuzione della pressione dello sfintere stesso e un’alterata motilità gastroesofagea. L’alimentazione non sembra essere tra i principali fattori scatenanti ma ha un ruolo cruciale nella cura dei sintomi.

Ad ogni estremità dell’esofago è presente uno sfintere (cioè una valvola muscolare) che permette il passaggio verso lo stomaco di ciò che viene ingoiato e gli impedisce di tornare indietro. Nel reflusso gastroesofageo si osserva una maggiore frequenza di rilassamenti transitori dello sfintere esofageo inferiore, che consente il conseguente reflusso dei succhi gastrici nell’esofago e l’acidificazione dello stesso.

Le cause del reflusso gastroesofageo non sono completamente comprese, ma lo stress, l’obesità e il consumo eccessivo di alcol e caffè possono contribuirvi.

La patologia, infatti, ha un’elevata prevalenza nei paesi occidentali. Le statistiche ufficiali suggeriscono che circa il 10-20% della popolazione occidentale manifesta sintomi da reflusso, rendendola una delle malattie gastrointestinali più comuni.

Ovviamente la malattia è associata ad una diminuzione della qualità della vita correlata ai sintomi e a numerose complicazioni sia a livello esofageo (ulcera esofagea, cancro esofageo, morbo di Barrett) che non esofageo (disfagia -difficoltà nella progressione del cibo lungo l’esofago- raucedine, disfonia, asma, tosse cronica, laringite o faringite e altri problemi respiratori, dolore toracico, angina).

Inoltre, il danno alla mucosa causato dal passaggio nell’esofago del contenuto gastrico fa sì che il reflusso gastroesofageo mostri occasionalmente sintomi simili alla dispepsia funzionale e alla sindrome dell’intestino irritabile.

Esistono diversi farmaci per lenire la sintomatologia associata alla malattia da reflusso gastroesofageo che agiscono in modi diversi (antiacidi, bloccanti H2, inibitori della pompa protonica, procinetici, tra gli altri). In molti casi è necessaria una combinazione di questi per controllare i sintomi in modo più stabile. Tuttavia, i farmaci attualmente utilizzati sono efficaci sui sintomi del reflusso, ma solo fintanto che vengono somministrati, poiché non eradicano il problema alla radice.

Il peso pesa

Al dilá delle raccomandazioni elencate qui di seguito, é importante adoperarsi per mantenere un  peso salutare nell’arco della vita, perché diverse meta-analisi hanno mostrato un’associazione positiva tra l’aumento dell’indice di massa corporea e la malattia da reflusso gastroesofageo. Un eccesso di grasso addominale provoca una pressione intra-addominale superiore al normale. La presenza di una pressione intra-addominale superiore al normale tende a influenzare la struttura e il funzionamento dello stomaco, in particolare il cardias; quest’ultima, infatti, si indebolisce dal punto di vista muscolare, diventando meno efficace nel contenere i succhi gastrici nello stomaco, che, a questo punto, risale più facilmente nell’esofago.

L’alimentazione che cura

Sebbene la dieta non sembri essere il principale fattore coinvolto nell’eziogenesi della malattia, è noto che alcuni nutrienti o alimenti aumentano la frequenza dei sintomi del reflusso gastroesofageo, quindi è consigliabile limitarli almeno per un periodo per valutare se sono responsabili o meno di peggiorare il disagio.

COSA MANGIARE

Ricorda: c’è una certa variabilità individuale perché alcuni cibi che sono controindicati per alcuni potrebbero essere ben tollerati da altri, e viceversa.

Pertanto, e rispettando l’individualità di ciascuno, ascolta il tuo corpo evitando cibi e bevande a cui attribuisci episodi di indigestione / bruciore. Se sei in una fase acuta di gastrite e reflusso, è meglio seguire attentamente i consigli dietetici riportati di seguito. Quando la fase acuta è finita ei sintomi scompaiono, amplia gradualmente la dieta sperimentando l’assunzione di piccole quantità di altri alimenti.

Limita / escludi:

  1. Alcolici. Birra, vino e distillati inducono il reflusso gastroesofageo, principalmente nella prima ora dopo l’ingestione.
  2. Alimenti ricchi di grassi. Cibi fritti, carni rosse grasse, pesce grasso – salmone-, formaggi grassi, frutti secchi (troppo ricchi di grassi e proteine), un eccesso di olio, salse – maionese ecc – richiedono molto tempo per essere digeriti e quindi rimangono a lungo nello stomaco. Questo determina una grande produzione di succhi gastrici e alla lunga puó ridurre il tono muscolare del cardias, aumentando cosí il rischio di esposizione dell’esofago inferiore al contenuto acido dello stomaco.
  3. Alimenti” o condimenti irritanti:
  • Bevande a base di caffeina (quindi caffè e tè – almeno a stomaco vuoto),
  • Cioccolato
  • Pomodori crudi / succo di pomodoro
  • Erbe aromatiche (menta) e spezie piccanti (soprattutto pepe, paprika, zenzero, aglio, peperoncino, noce moscata) o miscele che le contengono come curry, ecc.
  • Aceto
  • Frutta acida – agrumi, (limoni, mandarini, arance, cedro), ananas, ribes, melograno …
  • Conserve: salate, sott’olio, affumicate, sott’oli, salamoie, ecc.
  • Bevande gassate

Ricorda anche che:

Il latte, essendo un alimento alcalino, ha un effetto positivo immediato in quanto la sua basicità contrasta l’acidità del contenuto gastrico. Tuttavia, soprattutto il latte intero, però, è anche ricco di grassi e proteine ​​che aumentano l’acidità gastrica e rallentano lo svuotamento dello stomaco. Ha quindi un effetto benefico immediato ma, soprattutto se le quantità sono in eccesso, dopo il sollievo iniziale può provocare una rapida ricomparsa dei sintomi.

Preferisci:

  • Verdure fresche, per il loro ridotto contenuto di grassi e zuccheri la loro digestione non richiede una notevole produzione di succhi gastrici.
  • Frutta a basso contenuto di acido citrico, come meloni, pere, mele, banane e bacche, perché mantengono l’acidità dello stomaco entro valori accettabili.
  • Cereali integrali a basso contenuto di grassi. L’elevata quantità di fibre nei cereali integrali assorbe i succhi gastrici, rendendo meno probabile il loro reflusso verso l’esofago.
  • Alimenti magri e ricchi di proteine ​​(come carne bianca, uova – soprattutto l’albume, la maggior parte dei pesci, crostacei, ecc.) Perché, a differenza dei cibi grassi, sono più facili da digerire, con conseguente minore produzione di succo gastrico e aumento il tono muscolare del cardias.
  • Bere più acqua e scegliere acqua alcalina: saliva e liquidi proteggono i muscoli dell’esofago dai succhi gastrici. Se i sintomi della gastrite sono particolarmente intensi e provocano vomito e / o diarrea, è importante prevenire la disidratazione aumentando il consumo di liquidi: acqua o bevande specifiche acquistabili in farmacia; evita invece tè, caffè e bevande zuccherate. L’acqua alcalina è un particolare tipo di acqua, caratterizzata da un pH maggiore di 7.0. La maggior parte dell’acqua in bottiglia ha un pH alcalino, anche se possono esserci grandi differenze tra questi in termini di residuo fisso e il tipo di minerali che contiene. L’acqua alcalina per eccellenza è l’acqua ionizzata, che viene purificata e processata grazie ad un dispositivo chiamato ionizzatore.

 Fibra alimentare: si o no?

La fibra alimentare è uno dei nutrienti supplementati nei pazienti con reflusso gastroesofageo. Un basso apporto di fibre alimentari si associa infatti a una diminuzione della motilità dello stomaco e dell’intestino, un rallentamento dell’ evacuazione del contenuto gastrico, iperdistensione gastrica e un aumento del rischio di formazione di ernia iatale, tutti fattori che favoriscono il reflusso indebolendo le barriere antireflusso. Anche l’aumento della pressione e la diminuzione della motilità intragastrica sono fattori di rischio stabiliti per il reflusso gastroesofageo.

L’effetto benefico della fibra alimentare sulla motilità esofagea nei soggetti con reflusso sarebbe anche mediato dalla sua capacità di legarsi all’ossido nitrico contenuto nel cibo e ridurne l’influenza negativa sulla pressione dello sfintere esofageo inferiore. Inoltre, è stato dimostrato che alcuni tipi di fibre alimentari possono non solo modulare la velocità di svuotamento gastrico ma anche ridurre l’acidità gastrica, riducendo il numero di episodi di reflusso gastroesofageo e la sua capacità dannosa.

Sebbene scarse, ad oggi ci sono prove dirette sull’influenza benefica delle fibre alimentari sul reflusso gastroesofageo. Uno studio pubblicato nel 2018 da World J Gastroenterol ha infatti confermato l’effetto positivo della supplementazione di fibre alimentari sulla frequenza degli episodi di reflusso gastroesofageo, acidità esofagea, pressione dello sfintere esofageo inferiore e altre manifestazioni cliniche non erosive in soggetti con un basso apporto iniziale di fibra alimentare.

Aloe Vera

L’aloe vera (A. vera) è una pianta medicinale con ampie applicazioni nell’industria farmaceutica sia per uso sistemico che per disturbi dermatologici. Il gel di A. vera ha dimostrato di possedere diverse proprietà farmacologiche tra cui proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, analgesiche, antiproliferative e antidiabetiche. Inoltre, sono stati dimostrati anche effetti lenitivi e curativi per la guarigione di ulcere e ferite ed effetti antimicrobici, tutti aspetti che possono essere rilevanti per il trattamento del reflusso gastroesofageo e delle sue comorbidità. Tuttavia, nonostante questi promettenti meccanismi di azione e risultati positivi negli studi preclinici su reflusso e ulcere peptiche, le valutazioni cliniche delle potenzialità del gel di A. vera come trattamento per il reflusso gastroesofageo sono state finora scarse. Forse l’unico studio che finora ha esplorato l’efficacia clinica dello sciroppo di A. vera rispetto all’efficacia dei trattamenti standard con omeprazolo e ranitidina in pazienti affetti da sintomi da reflusso risale al 2015. I risultati di questo studio hanno indicato che l’aloe vera fornisce un trattamento sicuro ed efficace per ridurre la frequenza dei sintomi da reflusso gastroesofageo. Pertanto, la sua assunzione dovrebbe essere suggerita come integratore nei pazienti che ne soffrono. Anche così, sono ancora necessari ulteriori studi per indagare l’impatto di dosi più elevate di A. vera e anche per esplorare l’efficacia del trattamento nel ridurre le complicanze a lungo termine associate al reflusso, come la malattia di Barrett, la stenosi esofagea, esofagite e carcinoma esofageo.

COME MANGIARE

  • Mangia con calma

Articoli correlati:

  • Mangia in posizione eretta e rimani in quella posizione per almeno 45-60 minuti, anche dopo aver mangiato
  • Mangia lontano dal momento del riposo notturno. Per quanto riguarda le pratiche legate all’alimentazione, dati coerenti hanno dimostrato che un “breve intervallo tra cibo e sonno” favorisce episodi di reflusso, motivo per cui alcuni autori consigliano di cenare almeno quattro ore prima. Detto questo, aspetta almeno due ore prima di andare a letto e sdraiati con la testa sollevata dal letto da 6 a 8 pollici.
  • Mangia pasti piccoli e frequenti
  • Prima e durante il pasto, controlla la soddisfazione delle fame sensoriali e impara a discernere la pienezza / soddisfazione
  • Masticare bene e consapevolmente. Se la masticazione è sub-funzionale 1) la digestione costa di più, 2) i segnali di sazietà non si attivano ed è difficile riconoscere quando è il momento di FERMARSI poiché lo stomaco è pieno, 3) i sensi non sono invitati a godere al 100%
  • Cerca di mettere da parte pensieri o occupazioni insistenti (mobile, ecc ..). Sotto stress, la digestione è bloccata (meccanismo di difesa evolutivamente antico)
  • Metodi di cottura e preparazione dei cibi sobri. Le cotture preferenziali dovrebbero essere quelle più semplici e che preservano le qualità nutrizionali del cibo: vapore, a basse temperature (slow cooker), bollitura, affogare, arrostire al forno, papillote (avvolto in carta stagnola o in appositi contenitori). Si consiglia di limitare i fritti, le pastelle, gli stufati e gli stufati preparati con grassi animali e condimenti eccessivamente forti a un consumo sporadico (1v / w) e in quantità modeste, soprattutto con cibi ricoperti di uova e farine 0. Se sono cotti in modo improprio Anche gli alimenti raccomandati per chi soffre di GERD possono essere dannosi e far aumentare il contenuto di acido dello stomaco nell’esofago

Sara Tulipani

Sara TulipaniPhD

Life Coach specializzata in cambi di alimentazione e stile di vita, Dottorato di Ricerca in Alimenti e Salute, Master Internazionale in Nutrizione e Dietetica – FUNIBER

CONTATTAMI per avere maggiori informazioni sui processi che accompagno!

info@saratulipani.com

(+34 622178379)

 

Riferimenti bilbiografici

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code